Roomba e sai come pulire casa in autonomia ed efficienza

Rotondo, basso, autonomo, capace di riconoscere gli ostacoli e aggirarli, dotato di un serbatoio grande in funzione della sua “fame” di sporco raccolto sia dai pavimenti sia dai tappeti, con sensori che gli permettono di capire come procedere, incluso la capacità di evitare cadute dalle scale o anche da piccoli rilievi presenti in casa.

 Non stiamo parlando di un alieno ma di un prodotto della tecnologia che è stato creato per rendere più semplice la vita delle donne ma apprezzato anche dagli uomini soprattutto single.

Di cosa parliamo? Di Roomba un robot aspirapolvere domestico realizzato dall’azienda statunitense iRobot negli anni ’90 e che da allora sta rendendo più semplice la vita delle donne incontrando talmente il loro favore da diventare in poco tempo un vero e proprio must. Un miracolo tecnologico dalla fama ormai planetaria, che aiuta a tenere pulita la casa, una delle incombenze più pesanti.

Cercate informazioni dettagliate? Leggere il sito miglioriroomba  con tante informazioni su questi robot in generale e su Roomba in particolare.

 

Questi robot sono un prodotto a metà tra un computer ed un elettrodomestico, di dimensioni ridotte per potersi muovere agevolmente, e in particolare con un’altezza non superiore ai 10 centimetri che consente a questi prodigi, di infilarsi sotto i mobili per una pulizia approfondita dei nostri locali.


In anni recenti, inoltre questi robot sono stati sottoposti a una serie di miglioramenti costanti grazie a dei plus importanti frutto delle segnalazioni dei clienti. Parliamo di capacità di mappare la superficie da pulire memorizzandola con il punto di ricarica. Hanno anche “sensori anticaduta” o “antiribaltamento” che, facendo percepire il vuoto, deviano l’apparecchio evitando cadute da gradini o scale. Sono stati resi capaci di riconoscere ostacoli come muri, colonne, porte grazie alla installazione di un sensore ottico o, nei modelli più evoluti, di un sensore ad ultrasuoni.


Infine parliamo di autonomia: ricordate che per 40-45 mq occorre un’ora per ricaricare le batterie, per 100 mq il doppio. Valutate quindi la superficie su cui il robot dovrà passare per regolarvi sul tipo di modello da acquistare.